E' in corso una procedura di uniformazione delle seconde edizioni

Dizionario demografico multilingue (seconda edizione armonizzata, volume italiano)

Ingresso

Dizionario demografico multilingue (seconda edizione unificata, volume italiano)
Versione del 8 nov 2009 alle 04:43 di NBBot (Discussione | contributi) (Bernardo Colombo, ed. 1959)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Ingresso  (ingresso, s.m.)
definizione dalla prima edizione (1959)


La popolazione di uno Stato sovrano (305-3) può essere coinvolta nelle migrazioni interne 1, in questo caso il luogo di origine (801-4) e il luogo di destinazione (801-5) si trovano entrambi all’interno dello Stato, e nelle migrazioni internazionali 2 quando si oltrepassano le frontiere di questo stato. Queste ultime sono anche dette migrazioni esterne 3 a questo Stato e si chiamano immigrazione 4 o emigrazione 5, a seconda che lo Stato considerato sia il luogo di destinazione o il luogo di origine di queste migrazioni. Se lo Stato è diviso in zone, si distingue tra le migrazioni interne ad una zona, che sono spesso definite come mobilità locale 6 o mobilità residenziale 6, e le migrazioni esterne a questa zona, che si dividono in migrazioni internazionali e migrazioni interne allo Stato. Queste ultime si chiamano immigrazione interna 7 verso questa zona o emigrazione interna 8 da questa zona, a seconda che essa costituisca il luogo di destinazione o il luogo di origine della migrazione. Quando si distingue tra zona di origine e zona di destinazione, si definisce corrente di migrazioni 9, o corrente migratoria 9, il numero di migrazioni che hanno luogo dall’una verso l’altra. La corrente più importante in termini numerici tra le due zone è detta corrente dominante 10, la più esigua controcorrente 11.

  • 1. Tutte le definizioni di questo paragrafo sono date senza considerare i migranti, emigranti e gli immigranti, gli emigrati e immigrati del § 802, il termine migrazione sostituisce uno di questi termini. La distinzione tra migrazione interna e migrazione internazionale non sempre è chiara, poiché alcune volte i territori non indipendenti di uno Stato hanno tuttavia un’autonomia più o meno completa.
  • 2. Se si tratta di pendolarismo (801-9) e non di migrazioni, si parla di lavoratori di frontiera o frontalieri.
  • 4. Immigrazione, s.f. - immigrare, v.i.
  • 5. Emigrazione, s.f. - emigrare, v.i.
  • 7. Per essere più precisi, si tratta d’immigrazione interna allo Stato verso questa zona, e di emigrazione interna allo Stato da questa zona.


Segue...