E' in corso una procedura di uniformazione delle seconde edizioni

Dizionario demografico multilingue (seconda edizione armonizzata, volume italiano)

Base uguale a cento

Dizionario demografico multilingue (seconda edizione unificata, volume italiano)
Versione del 8 nov 2009 alle 03:51 di NBBot (Discussione | contributi) (Bernardo Colombo, ed. 1959)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Base uguale a cento  
definizione dalla prima edizione (1959)


I dati (cfr. 130-2) sono qualificati come dati provvisori 1 quando si fondano su informazioni incomplete o quando non sono stati ancora sottoposti a completa revisione, e dati definitivi 2 nel caso contrario. I quozienti (135-10) calcolati su dati del genere sono qualificati, rispettivamente, come quozienti provvisori 3 e quozienti definitivi 4. Allorché informazioni ulteriori conducono a dover modificare un risultato considerato definitivo, si dovrebbe parlare di quozienti riveduti 5 piuttosto che di quozienti rettificati 5. Quest’ultima espressione viene impiegata in effetti come sinonimo di quozienti corretti 6, con tutte le ambiguità che possono derivarne. Si può in effetti correggere un quoziente, non solo quando questo è fondato su dati inesatti, ma anche quando si considera preferibile impiegare un metodo di calcolo atto a fornire risultati più appropriati allo scopo che ci si propone di raggiungere. In quest’ultimo uso si adotta pure l’espressione quozienti depurati 6. Il senso preciso dell’espressione risulterà dal contesto. Il migliore modo di precisarlo consiste nel far ricorso a forme quali quoziente corretto rispetto a 6 ..., tale fenomeno [ad esempio: quoziente corretto rispetto alle variazioni stagionali (150-5), quoziente depurato dai movimenti migratori (805-1)]. È detto quoziente comparativo 7, o quoziente standardizzato 7, o quoziente normalizzato 7, un quoziente appositamente elaborato al fine di comparare l’intensità di un fenomeno (come la mortalità - cfr. § (403-) in diverse popolazioni, al netto dell’incidenza, sulla misura del fenomeno studiato, di determinati fattori di differenziazione caratterizzanti le popolazioni in questione (come la loro struttura per età). In contrapposizione rispetto a questi quozienti elaborati, quelli che si ottengono attraverso calcoli più semplici ed immediati sono indicati come quozienti grezzi 8 (cfr. 131-1*). Oltre al metodo della standardizzazione diretta (403-3), vi è anche un metodo di standardizzazione indiretta (403-4), in cui un insieme di tassi specifici (134-6) (ad esempio, i tassi di mortalità per età e sesso), detti anche coefficienti tipo 9, sono mantenuti costanti e applicati alle popolazioni poste a confronto, caratterizzate da diverse strutture.
Segue...